POLISPORTIVO GRISONI – CADORAGO A : 2 – 4

IL DERBY È ANCORA NOSTRO!


Caslino al Piano, 20 marzo 2008

 

L’atmosfera calda del derby è raffreddata dalle gelide correnti nordiche che questa sera hanno interrotto l’epilogo già tardivo della primavera. Il termometro dell’auto scende ulteriormente durante il trasferimento di un paio di gradi e ci si interroga se sia presagio di sventura. Max ha preparato a lungo la partita e schiera una formazione inedita, con Jacopo L. tra i pali, una difesa senza torri ma molto veloce con Nicolas (dd) e Pietro (ds), un centrocampo robusto con Jacopo P. (cd), Matias (cc) e Simone (cs), e Manuel a pungere la difesa avversaria. La strategia del tecnico italo-argentino, che punta a bloccare il gioco di rimessa della Grisoni, sarà vincente. La squadra di casa, che è orientata ad attivare il robusto attaccante sui lanci lunghi del portiere o dei centrocampisti, si troverà per tutta la partita disorientata dagli anticipi puntuali dei piccoli veloci terzini ospiti e dal possente filtro del centrocampo del Cadorago, le cui maglie strette saranno difficilmente superabili per i quaranta minuti del tempo regolamentare. Scarse le occasioni dunque per la Grisoni, innescate esclusivamente dai pochi errori commessi dai nostri. Sui due più gravi, il Caslino va a segno. Per il resto, sul taccuino, vi è solo Cadorago. La squadra ospite parte subito determinata, con Simone molto attivo sulla fascia destra. Manuel, schierato a sorpresa in attacco tiene alta la formazione e con i suoi scatti veloci su tutte le palle che raggiungono la metacampo della Grisoni tiene in costante apprensione i terzini di Caslino. Ma a sbloccare il risultato al settimo è il solito Pietro. Simone raccoglie la sfera su rimessa laterale, gestisce la palla e dal corner sinistro serve Pietro appostato a due metri dallo spigolo sinistro dell’area avversaria. Il mancino, non pressato, ha il tempo di stoppare e di calciare un potente sinistro che il portiere non trattiene (0-1). Al decimo la Grisoni pareggia. Simone perde una palla a centrocampo e non segue l’ala avversaria. Pietro si accorge in ritardo del pericolo e non chiude, lasciando calciare l’ala caslinese  a pochi metri dalla porta. Il destro rasoterra batte l’incolpevole Jacopo L. (1-1). Al dodicesimo Manuel non sigla per un soffio un euro-gol, correggendo di punta una punizione di Jacopo dalla trequarti. La palla raggiunge Manuel appostato al centro dell’area avversaria e l’attaccante la corregge in acrobazia, sfiorando l’incrocio dei pali a portiere battuto. Al quattordicesimo nuovo vantaggio per i ragazzi: su azione manovrata Jacopo penetra nell’area grisoniana e spara una bordata di destro, la difesa respinge corto e Manuel, appostato come un falco, ribadisce in rete (1-2). Si va al riposo con una sola rete di scarto, che non fotografa però correttamente il costante controllo del gioco del Cadorago per tutto il corso della prima frazione. I ragazzi sono tonici e avvertono, dalle sensazioni che raccolgono sul campo, di giocare un buon calcio. Max li esorta a continuare con grinta e la squadra torna in campo ancor più determinata. Così, dopo appena due minuti del secondo tempo, Manuel inserice i turbo e  dopo una splendida progressione esplode un destro rasoterra imparabile (1-3). Max osa, forte del risultato, ed alza il baricentro dalla squadra. Torna Resul in difesa, con Pietro che si riappropria della sua corsia. Questa mossa chiude virtualmente la partita  quando Pietro, servito da un pregevole lancio filtrante di Matias che lo ha visto pronto allo scatto, salta il difensore in velocità e buca le mani al portiere in uscita siglando la quarta rete (1-4). Il Caslino accorcia all’undicesimo direttamente da rimessa dal fondo quando la nostra difesa, confusa dal rimbalzo del pallone, si fa superare dalla sfera durante uno dei pochi cali di tensione della squadra (2-4). Max inserisce forze fresche per tenere alta la squadra, pressando la difesa caslinese davanti alla loro area, invitando  Alessia e Giulia a dare il massimo del loro contributo in attacco. Il punteggio non avrà modo di cambiare sino al triplice fischio finale. Se è vero che i derby sono gare particolari, ove può sempre accadere l’imponderabile, è comunque certo che la squadra allenata da Max, soprattutto quando il tecnico ha a disposizione la rosa al completo, esprime un calcio a tratti irresistibile: una miscela esplosiva di velocità e possesso palla che poche altre formazioni, per le qualità dei singoli e per l’impostazione tattica, sono in grado di generare.

(gquarta)



Cadorago————–  >7

Gioca con intesità, nascondendo sempre la palla agli avversari. Due reti subite su errori grossolani le tolgono un punto.


Grisoni——————–>5

Non riesce a tenere il ritmo dei ragazzi. Fatica a creare gioco e non appare potenzialmente capace di prendere le redini del gioco.



Campo——————->5

Il campo è in pessime condizioni. Molte zone del campo sono colme di sabbia, che rende i rimbalzi imprevedibili.

 

Arbitro——————->6,5

Direzione di gara corretta.


Pubblico—————–>7

Perfetto e numeroso.

POLISPORTIVO GRISONI – CADORAGO A : 2 – 4ultima modifica: 2009-03-20T22:43:00+01:00da qugi
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “POLISPORTIVO GRISONI – CADORAGO A : 2 – 4

Lascia un commento